| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Introducing Dokkio, a new service from the creators of PBworks. Find and manage the files you've stored in Dropbox, Google Drive, Gmail, Slack, and more. Try it for free today.

View
 

hacking

Page history last edited by paolo_del_bene 8 years, 3 months ago

Massachvsettts Institvte Of Technology

 


 

 

Massachvsettts Institvte Of Technology

 

Anno 1971

 

Quando Richard Matthew Stallman nel 1971 iniziò a lavorare per il laboratorio di Artificial Inteligence [A.I.] del M.I.T. Massachvsetts Institvte Of Technology tutti gli sviluppatori di software come lui da lunga data erano liberi di condividere il software e di potersi aiutare l’un l’altro.

 

La situazione iniziò a cambiare quando la Digital Equipement Corporation riuscì a far entrare nel laboratorio di A.I. il suo PDP-10. Gli hackers del M.I.T. non si persero d’animo e decisero di scrivere un nuovo sistema operativo: chiamato ITS Incompatibile Timesharing System progettato e scritto in Assembler.

 

Il compito di Richard Matthew Stallman era di migliorare il kernel e dato che lui lavorava sui sistemi operativi, la sua abilità diede un ottimo contributo.

 

Sino ad allora tutto andò per il verso giusto, ma da tempo si stavano facendo pressioni sugli hackers, affinchè siglassero accordi di Not Disclosure Agreement [N.D.A.].

 

Si fa presente che il concetto di non diffusione tendeva a dividere le persone e all’interno del laboratorio, alcuni che ne avevano siglati, avevano creato problemi per lo sviluppo software.

 

All’interno del laboratorio era normale lo scambio di software.

 

Non esisteva il concetto di Software Libero, perché gli hackers del M.I.T. facevano continuo scambio del codice sorgente, era cosa odierna aiutarsi.

 

Veri e propri problemi iniziarono a verificarsi quando la Digital Equipement Corporation DEC decise di dismettere gli oramai obsoleti PDP-10.

 

L’architettura di questi elaboratori degli anni 60 non poteva più essere estesa naturalmente.

 

La comunità del M.I.T. si trovò fra le mani: hardware, sistema operativo ITS ed applicativi vari inusabili.

 

Un gruppo di hackers da tempo aveva preso le distanze dal M.I.T. per dedicarsi allo sviluppo di software non libero per conto delle software houses.

 

Negli anni avevano imparato a conoscere cosa significasse programmare e dunque avevano della programmazione un concetto etico ed avevano imparato ad amare ciò che facevano.

 

Tutto ciò in cui avevano creduto fu spazzato via in breve tempo, tanto da ricredersi sui concetti che prima avevano fermamente difeso.

 

Per prima cosa, l’etica fu messa alla berlina come qualcosa di disdicevole e da gettare alle ortiche, non si posero quesiti tipo: "che problemi potremmo creare per un futuro contesto sociale ove si ritiene sia giusto che le persone debbano aiutarsi" ?

 

Preferirono il denaro come surrogato dell’etica e della programmazione, credevano oramai in essa solo come strumento per esser pagati lautaménte.

 

Nel 1981 la Symbolics, una società nata all’interno del laboratorio, aveva sottratto quasi tutti gli hackers.

 

La comunità fu incapace di sostenersi con un esiguo numero di sviluppatori, nel 1982 venne acquistato un novo PDP-10 con la versione non libera del Time Sharing, sviluppato dalla Digital Equipement Corporation, e questa volta venne imposto contro la volontà degli hackers rimasti.

 

Dopo breve tempo nel M.I.T. Massachvsetts Institvte Of Technology fece la comparsa anche l’elaboratore 7090 dell’IBM, anch esso aveva una sua versione non libera del timesharing.

 

Il colpo di grazia venne inflitto con i Vax.

 

Per usare i Vax con cpu 680x0 68020 20 Mhz, era necessario sottoscrivere un accordo di non diffusione [N.D.A.] Not Disclosure Agreement.

 

L’accordo di non diffusione era valido anche se si fosse espresso il desiderio di avere una copia del codice eseguibile del sistema operativo VMS.

 

Questo comportamento che si era fortemente radicalizzato all’interno del laboratorio di Artificial Inteligence [A.I.] del M.I.T. Massachvsetts Institvte Of Technology affermava che non si poteva più aiutare il proprio vicino.

 

Con questo comportamento si stava cercando di creare le basi per una comunità non cooperante, tipico delle aziende che nei confronti degli sviluppatori di software libero, dicevano: che se si fosse sentita la necessità o si aveva voglia, modo, piacere di risolvere dei problemi, si doveva rilasciare un comunicato con il quale si chiedeva che il problema fosse risolto.

 

Accettare un tale accordo significava andare contro la comunità, comportarsi in modo sbagliato, non avere etica e valori.... si negava loro una qualsiasi forma di libertà e una simil politica sarebbe serivta solo ad identificare gli hackers come dei “pirati informatici", aspetto che sino ad allora non avrebbero mai lontanamente immaginato.

 

Le aziende stavano cercando di diffondere sempre più il Software non Libero e nel medesimo tempo affermavano che gli hackers non potevano arrogarsi alcun diritto di paternità sul codice sorgente.

 

In poche parole le aziende volevano essere le uniche a sviluppare software e poco importava se fosse stato di scarsa qualità, l’importante per loro era vendere.

 

Un simil esempio da non prendere in considerazione è la Microsoft causa di un mercato monopolistico, lobbistico, dedita alla vendita di prodotti di bassa qualità, all’assenza di assistenza, all’impossibilità di modificare il sorgente, il vietare le modifiche anche se queste sono atte a migliorare i loro stessi prodotti

 

Il concetto di Software non Libero voleva affermare che condividere il codice sorgente, copiarlo, aiutarsi, anche fra hackers fosse antisociale e sbagliato.

 

Questo messaggio inoltre voleva dire che gli hackers stavano commettendo delle illegalità e che quindi bisognava rispettare i diritti che avevano sul codice sorgente.

 

Gli hackers sviluppavano software, ma per le software houses il non poterli fermare era come avere una spina nel fianco.

 

Sapevano benissimo che non potevano pretendere ciò dal governo e dunque il loro unico mezzo per imporsi sul mercato era quello di fare delle minacce o cercare di intentare cause basate sul nulla sperando che qualcuno gli desse credito, ma si sbagliarono, gli Stati Uniti affermarono che: "rifiutano questa posizione presa dalle multinazionali del Software non Libero" e

"Il diritto d’autore non è un diritto naturale, ma un monopolio imposto dal governo che limita il diritto naturale degli utenti di effettuare delle copie", dunque non può usarsi tale scusa per accampare diritti che non hanno e non avranno mai.

 

Ciò vuol dire che: Se ciò fosse stato un diritto naturale non si sarebbero potute fare obiezioni a tal proposito e quindi avrebbero avuto il diritto di proprietà sullo sviluppo del software: per loro sfortuna, le software houses non furono le uniche che ebbero la possibilità di sviluppare del software ed il più delle volte del buon software viene sviluppato proprio dagli hackers.

 

Visto che esistevano tali problemi, si pensò di rifiutare di accettare tali condizioni e di continuare ad avere dei legami con le software houses, una cosa che si poteva fare era sviluppare qualcosa di nuovo che potesse servire ad unire le persone, anzichè dividerle.

 

Qualcuno decise di cambiare la situazione introducendo una nuova visione del software: la diffusione del software come Software Libero, quel personaggio è Richard Matthew Stallman.

 

Richard Matthew Stallman s itrovò davanti ad una situazione del tipo: accettare di non condividere il software con nessun hacker ed avere elevati compensi adeguandosi alla politica del Not Disclosure Agreement [N.D.A.] oppure contribuire a condividere il codice sorgente ed accorgersi che un giorno avrebbe aiutato la società a migliorare.

 

L'Inizio del Progetto Gnu'S Not Unix

 

Nel Gennaio 1984 Richard Matthew Stallman lasciò il laboratorio di A.I. del Massachvsettts Institvte Of Technology per dar vita al Progetto Gnu’S Not Unix !

 

Ciò fu necessario affinchè il M.I.T. non potesse rivendicare la paternità del software da lui sviluppato e farne una distribuzione di software non libero.

 

Il Professor Winston gli propose di continuare a beneficiare del laboratorio. Il primo passo fu quello di vedere se era disponibile qualche compilatore C.

 

L’Università Olandese VUCK ne aveva uno, ma era software non libero e per questo motivo non poteva essere usato, quindi un ulteriore passo fu quello di dover scrivere un compilatore C multilinguaggio e multipiattaforma.

 

Bisogna dire che quando Richard Matthew Stallman si informò sulla disponibilità del compiilatore C come Software Libero, in modo canzonatorio gli venne detto: "la VUCK University è libera, il compilatore è software proprietario".

 

Questo fu uno dei motivi che lo spinse a scrivere GCC.

 

GCC attualmente è il miglior compilatore.

 

Richard Matthew Stallman ottenne dai Laboratori di Lawrence Livermore l’intero codice sorgente del Pastel (un compilatore che era una versione estesa del Pascal) pensato e sviluppato per la programmazione di sistemi.

 

Pur avendo aggiunto un front-end per il C ed iniziando a fare il porting per l’architettura 680x0 Motorola dovette rinunciare in quanto il compilatore richiedeva diversi MegaByte sullo stack di memoria mentre il sistema Unix ne poteva assegnare solo 64 kB.

 

L’unica soluzione era sviluppare un nuovo compilatore.

 

L’introduzione di GCC risolse il problema, ma il suo sviluppo richiese circa 3 anni di duro lavoro, dopo aver scritto GCC riuscì ad implementare anche il front-end scritto in C per il Pastel.

 

Gnu'S Not Unix !

 

Nel Gennaio del 1984 iniziai a lavorare al Progetto Gnu’S Not Unix, per sviluppare il sistema operativo Gnu.

 

Tengo a precisare che il termine Gnu è tipico del mondo degli hackers, è un acronimo ricorsivo e significa: Gnu = Gnu's Not Unix Gnu non è Unix e quindi le iniziali Gnu stanno per Gnu, questo acronimo significa che stavo sviluppando un sistema che era come il sistema operativo Unix ma non era Unix.

 

Era un sistema diverso, che doveva essere scritto da zero perché Unix era un sistema proprietario, e non avevamo il permesso di condividere Unix, non potevamo usare Unix e quindi per una comunità era inservibile, perciò dovemmo scriverne uno che lo sostituisse.

 

Unix era formato da un gran numero di programmi separati che comunicavano fra loro, dovemmo sostituire questi programmi uno per uno, e allora cominciò a scrivere un programma sostitutivo per uno di questi, poi per un altro e un altro ancora e poi altri iniziarono a unirsi a me, perché avevo pubblicato un annuncio in cui chiedevo aiuto per scrivere i programmi.

 

Verso il 1991 li avevamo praticamente sostituiti tutti, in sostanza per avere un sistema completo, c'è bisogno di un kernel, vale a dire il programma che attribbuisce le risorse a tutti gli altri programmi.

 

C'è bisogno di un compilatore che traduce un programma da un sorgente leggibile che i programmatori possono capire in numeri incomprensibili che un computer può effettivamente far girare, c'è bisogno di altri programmi utili al compilatore che lo assistano nel suo compito, c'è bisogno di un debugger, di un editor di testo, di un formattatore di testo, di programmi per la posta e molto altro, ci sono centinaia di programmi in un sistema operativo simile ad Unix.

 

L'aspetto fondamentale di Gnu è che è Software Libero. Free Software in inglese va inteso come Libero e non gratuito, quindi Richard Matthew Stallman dice che dobbiamo pensare alla libertà di parola piuttosto che ad una birra gratis.

 

La libertà di cui parlao, sono le libertà di fare cambiamenti "se vogliamo" o chiedere a qualcun altro di farli per noi o se usiamo un software per lavoro, quella di ridistribuirne delle copie da condividere con altri.

 

Fare miglioramenti e pubblicarli in modo che anche altri possano trarne vantaggio.

 

Queste sono le libertà che distinguono un Software Libero da uno Non Libero.

 

Queste sono le libertà che permettono alle persone di formare una comunità, se queste libertà vengono a mancare, si è divisi e dominati da qualcuno.

 

Se facciamo diventare il software di pubblico dominio, altri potrbbero apportarvi alcune modifiche e renderlo un pacchetto software proprietario, ciò significa che gli utenti, utilizzerebbero il nostro software, ma non avrebbero la libertà di cooperare e condividere.

 

Per impedire che ciò accada, dobbiamo ricorrere al CopyLeft o permesso d'autore.

 

L'idea del CopyLeft è quella del CopyRight al contrario, ciò che diciamo è: "questo software è protetto da CopyRight e noi gli autori, vi diamo il permesso di ridistribuirne copie, di cambiarlo, di aggiungere dei miglioramenti, ma quando lo ridistribuite, dovete farlo a queste condizioni ne più ne meno, in questo modo chiunque lo riceva da voi, avrà anche lui se lo desidera, la libertà di cooperare con altre persone".

 

In questo modo dove va la libertà va il software e diventa un diritto imprescindibile per collaborare con altre persone e formare una comunità.

 

Il CopyLeft è un concetto generale e per usarlo si deve ricorrere ad un esempio specifico.

 

Quello che usiamo per la maggior parte dei pacchetti softwares GNU è la GNU General Public License, un documento in linguaggio giuridico che svolge questa funzione, molti altri usano questa stessa licenza, per esempio Linus Torvalds usa questa licenza per il kernel linux.

 

Gnu Emacs

 

Iniziai a lavorare a Gnu Emacs nel settembre del 1984 ed all’inizio del 1985 era già utilizzabile.

 

Diverse persone iniziarono a richiedere copie di Emacs l'unico problema era: come renderlo disponibile ?

 

Una soluzione immediata venne trovata: far uso di FTP File Transfer Protocol anonymous del MIT prep.ai.mit.edu che entro breve tempo divenne popolare.

 

Quando il Mit chiuse l’Ftp [prep.ai.mit.edu] venne trasferito all’interno del nuovo Ftp Server della fsf.inc. Free Software Foundation.Inc. http://www.fsf.org

 

A quel tempo non erano molte le persone che avevano un collegamento ad Internet e si poteva dire "trova un amico che sia disponibile a farti una copia" oppure "speditemi una busta affrancata ed io vi invierò il nastro con Emacs".

 

Dal momento che ero senza lavoro, cercavo un modo di far soldi col Software Libero, decisi che era venuto il momento di creare un’impresa per la distribuzione di software Gnu.

 

CopyLeft

 

Lo scopo di Gnu consiste nell’offrire la libertà agli utenti anzichè la semplice diffusione del software.

 

Per garantire tali libertà è stato necessario creare il permesso d’autore ovvero CopyLeft copy and left copia e lascia, ma anche sinistra che tende a capovolgere tutte le limitazioni intrinseche del CopyRight copy and right] copia e diritto, ma anche destra.

 

Se è vero che il CopyRight tende a privare e a detenere il diritto d’autore il CopyLeft permette di far il libero uso del software.

 

Il permesso d’autore consiste nel dare a chiunque il programma, poterlo copiare, modificare e distribuirne versioni modificate, altrimenti le libertà essenziali che definiscono il free software sarebbero alienabili e questo non è lo scopo di tale licenza che invece tende a garantire tali libertà.

 

Affinchè il permesso d’autore sia efficace anche le versioni modificate devono essere libere e dunque il codice sorgente deve essere rilasciato.

 

Initial Announcement

 

This is the original announcement of the GNU Project, written by Richard Stallman in 1983.

 

The history of the GNU Project is in many ways different from this initial plan.

 

For example, the beginning was delayed until January, 1984 and several of the details about free software had not yet been clarified.

 

From CSvax:pur-ee:inuxc!ixn5c!ihnp4!houxm!mhuxi!eagle!mit-vax!mit-eddie!RMS@MIT-OZ

From: RMS%MIT-OZ@mit-eddie

Newsgroups: net.unix-wizards,net.usoft

Subject: new UNIX implementation

Date: Tue, 27-Sep-83 12:35:59 EST

Organization: MIT AI Lab, Cambridge, MA

 

Free Unix!

 

Starting this Thanksgiving I am going to write a complete Unix-compatible software system called GNU (for Gnu's Not Unix), and give it away free(1) to everyone who can use it.

 

Contributions of time,money, programs and equipment are greatly needed.

 

To begin with, GNU will be a kernel plus all the utilities needed to write and run C programs: editor, shell, C compiler, linker, assembler, and a few other things. After this we will add a text formatter, a YACC, an Empire game, a spreadsheet, and hundreds of other things.

 

We hope to supply, eventually, everything useful that normally comes with a Unix system, and anything else useful, including on-line and hardcopy documentation.

 

GNU will be able to run Unix programs, but will not be identical to Unix.

 

We will make all improvements that are convenient, based on our experience with other operating systems.

 

In particular, we plan to have longer filenames, file version numbers, a crashproof file system, filename completion perhaps, terminal-independent display support, and eventually a Lisp-based window system through which several Lisp programs and ordinary Unix programs can share a screen.

 

Both C and Lisp will be available as system programming languages.

 

We will have network software based on MIT's chaosnet protocol, far superior to UUCP.

 

We may also have something compatible with UUCP.

 

Who Am I ?

 

I am Richard Stallman, inventor of the original much-imitated EMACS editor, now at the Artificial Intelligence Lab at MIT.

 

I have worked extensively on compilers, editors, debuggers, command interpreters, the Incompatible Timesharing System and the Lisp Machine operating system.

 

I pioneered terminal-independent display support in ITS.

 

In addition I have implemented one crashproof file system and two window systems for Lisp machines.

 

Why I Must Write GNU

 

I consider that the golden rule requires that if I like a program I must share it with other people who like it.

 

I cannot in good conscience sign a nondisclosure agreement or a software license agreement.

 

So that I can continue to use computers without violating my principles, I have decided to put together a sufficient body of free software so that I will be able to get along without any software that is not free.

 

How You Can Contribute

 

I am asking computer manufacturers for donations of machines and money.

 

I'm asking individuals for donations of programs and work.

 

One computer manufacturer has already offered to provide a machine.

 

But we could use more. One consequence you can expect if you donate machines is that GNU will run on them at an early date.

 

The machine had better be able to operate in a residential area, and not require sophisticated cooling or power.

 

Individual programmers can contribute by writing a compatible duplicate of some Unix utility and giving it to me.

 

For most projects, such part-time distributed work would be very hard to coordinate; the independently -written parts would not work together.

 

But for the particular task of replacing Unix, this problem is absent.

 

Most interface specifications are fixed by Unix compatibility.

 

If each contribution works with the rest of Unix, it will probably work with the rest of GNU.

 

If I get donations of money, I may be able to hire a few people full or part time.

 

The salary won't be high, but I'm looking for people for whom knowing they are helping humanity is as important as money.

 

I view this as a way of enabling dedicated people to devote their full energies to working on GNU by sparing them the need to make a living in another way.

 

For more information, contact me.

Arpanet mail:

 

 

Usenet:

 

...!mit-eddie!RMS@OZ

...!mit-vax!RMS@OZ

 

 

US Snail:

 

Richard Stallman

166 Prospect St

Cambridge, MA 02139

 

(1) This remark shows that Richard had not yet clarified the distinction between "free speech" and "free beer".

 

Return to GNU's home page.

 

Please send FSF & GNU inquiries & questions to gnu@gnu.org. There are also other ways to contact the FSF.

 

Please send comments on these web pages to webmasters@gnu.org, send other questions to gnu@gnu.org.

 

Copyright (C) 1999 Free Software Foundation, Inc., 59 Temple Place - Suite 330, Boston, MA 02111, USA

 

Verbatim copying and distribution of this entire article is permitted in any medium, provided this notice is preserved.

 

Updated: 29 May 2001 lmiguel ]

 

Gnu General Public License

 

GNU General Public License

Table of Contents

 

 

* GNU GENERAL PUBLIC LICENSE

o Preamble

o TERMS AND CONDITIONS FOR COPYING, DISTRIBUTION AND MODIFICATION

o How to Apply These Terms to Your New Programs

 

GNU GENERAL PUBLIC LICENSE

Version 2, June 1991

 

Copyright (C) 1989, 1991 Free Software Foundation, Inc.

59 Temple Place - Suite 330, Boston, MA 02111-1307, USA

 

Everyone is permitted to copy and distribute verbatim copies

of this license document, but changing it is not allowed.

 

Preamble

 

The licenses for most software are designed to take away your freedom to share and change it. By contrast, the GNU General Public License is intended to guarantee your freedom to share and change free software--to make sure the software is free for all its users. This General Public License applies to most of the Free Software Foundation's software and to any other program whose authors commit to using it. (Some other Free Software Foundation software is covered by the GNU Library General Public License instead.) You can apply it to your programs, too.

 

When we speak of free software, we are referring to freedom, not price. Our General Public Licenses are designed to make sure that you have the freedom to distribute copies of free software (and charge for this service if you wish), that you receive source code or can get it if you want it, that you can change the software or use pieces of it in new free programs; and that you know you can do these things.

 

To protect your rights, we need to make restrictions that forbid anyone to deny you these rights or to ask you to surrender the rights. These restrictions translate to certain responsibilities for you if you distribute copies of the software, or if you modify it.

 

For example, if you distribute copies of such a program, whether gratis or for a fee, you must give the recipients all the rights that you have. You must make sure that they, too, receive or can get the source code. And you must show them these terms so they know their rights.

 

We protect your rights with two steps: (1) copyright the software, and (2) offer you this license which gives you legal permission to copy, distribute and/or modify the software.

 

Also, for each author's protection and ours, we want to make certain that everyone understands that there is no warranty for this free software. If the software is modified by someone else and passed on, we want its recipients to know that what they have is not the original, so that any problems introduced by others will not reflect on the original authors' reputations.

Finally, any free program is threatened constantly by software patents. We wish to avoid the danger that redistributors of a free program will individually obtain patent licenses, in effect making the program proprietary. To prevent this, we have made it clear that any patent must be licensed for everyone's free use or not licensed at all.

 

The precise terms and conditions for copying, distribution and modification follow.

TERMS AND CONDITIONS FOR COPYING, DISTRIBUTION AND MODIFICATION

 

0. This License applies to any program or other work which contains a notice placed by the copyright holder saying it may be distributed under the terms of this General Public License. The "Program", below, refers to any such program or work, and a "work based on the Program" means either the Program or any derivative work under copyright law: that is to say, a work containing the Program or a portion of it, either verbatim or with modifications and/or translated into another language. (Hereinafter, translation is included without limitation in the term "modification".) Each licensee is addressed as "you".

 

Activities other than copying, distribution and modification are not covered by this License; they are outside its scope. The act of running the Program is not restricted, and the output from the Program is covered only if its contents constitute a work based on the Program (independent of having been made by running the Program). Whether that is true depends on what the Program does.

 

1. You may copy and distribute verbatim copies of the Program's source code as you receive it, in any medium, provided that you conspicuously and appropriately publish on each copy an appropriate copyright notice and disclaimer of warranty; keep intact all the notices that refer to this License and to the absence of any warranty; and give any other recipients of the Program a copy of this License along with the Program.

 

You may charge a fee for the physical act of transferring a copy, and you may at your option offer warranty protection in exchange for a fee.

 

2. You may modify your copy or copies of the Program or any portion of it, thus forming a work based on the Program, and copy and distribute such modifications or work under the terms of Section 1 above, provided that you also meet all of these conditions:

 

 

* a) You must cause the modified files to carry prominent notices stating that you changed the files and the date of any change.

* b) You must cause any work that you distribute or publish, that in whole or in part contains or is derived from the Program or any part thereof, to be licensed as a whole at no charge to all third parties under the terms of this License.

* c) If the modified program normally reads commands interactively when run, you must cause it, when started running for such interactive use in the most ordinary way, to print or display an announcement including an appropriate copyright notice and a notice that there is no warranty (or else, saying that you provide a warranty) and that users may redistribute the program under these conditions, and telling the user how to view a copy of this License. (Exception: if the Program itself is interactive but does not normally print such an announcement, your work based on the Program is not required to print an announcement.)

 

These requirements apply to the modified work as a whole. If identifiable sections of that work are not derived from the Program, and can be reasonably considered independent and separate works in themselves, then this License, and its terms, do not apply to those sections when you distribute them as separate works. But when you distribute the same sections as part of a whole which is a work based on the Program, the distribution of the whole must be on the terms of this License, whose permissions for other licensees extend to the entire whole, and thus to each and every part regardless of who wrote it.

 

Thus, it is not the intent of this section to claim rights or contest your rights to work written entirely by you; rather, the intent is to exercise the right to control the distribution of derivative or collective works based on the Program.

 

In addition, mere aggregation of another work not based on the Program with the Program (or with a work based on the Program) on a volume of a storage or distribution medium does not bring the other work under the scope of this License.

 

3. You may copy and distribute the Program (or a work based on it, under Section 2) in object code or executable form under the terms of Sections 1 and 2 above provided that you also do one of the following:

 

 

* a) Accompany it with the complete corresponding machine-readable source code, which must be distributed under the terms of Sections 1 and 2 above on a medium customarily used for software interchange; or,

* b) Accompany it with a written offer, valid for at least three years, to give any third party, for a charge no more than your cost of physically performing source distribution, a complete machine-readable copy of the corresponding source code, to be distributed under the terms of Sections 1 and 2 above on a medium customarily used for software interchange; or,

* c) Accompany it with the information you received as to the offer to distribute corresponding source code. (This alternative is allowed only for noncommercial distribution and only if you received the program in object code or executable form with such an offer, in accord with Subsection b above.)

 

The source code for a work means the preferred form of the work for making modifications to it. For an executable work, complete source code means all the source code for all modules it contains, plus any associated interface definition files, plus the scripts used to control compilation and installation of the executable. However, as a special exception, the source code distributed need not include anything that is normally distributed (in either source or binary form) with the major components (compiler, kernel, and so on) of the operating system on which the executable runs, unless that component itself accompanies the executable.

 

If distribution of executable or object code is made by offering access to copy from a designated place, then offering equivalent access to copy the source code from the same place counts as distribution of the source code, even though third parties are not compelled to copy the source along with the object code.

 

4. You may not copy, modify, sublicense, or distribute the Program except as expressly provided under this License. Any attempt otherwise to copy, modify, sublicense or distribute the Program is void, and will automatically terminate your rights under this License. However, parties who have received copies, or rights, from you under this License will not have their licenses terminated so long as such parties remain in full compliance.

 

5. You are not required to accept this License, since you have not signed it. However, nothing else grants you permission to modify or distribute the Program or its derivative works. These actions are prohibited by law if you do not accept this License. Therefore, by modifying or distributing the Program (or any work based on the Program), you indicate your acceptance of this License to do so, and all its terms and conditions for copying, distributing or modifying the Program or works based on it.

 

6. Each time you redistribute the Program (or any work based on the Program), the recipient automatically receives a license from the original licensor to copy, distribute or modify the Program subject to these terms and conditions. You may not impose any further restrictions on the recipients' exercise of the rights granted herein. You are not responsible for enforcing compliance by third parties to this License.

 

7. If, as a consequence of a court judgment or allegation of patent infringement or for any other reason (not limited to patent issues), conditions are imposed on you (whether by court order, agreement or otherwise) that contradict the conditions of this License, they do not excuse you from the conditions of this License. If you cannot distribute so as to satisfy simultaneously your obligations under this License and any other pertinent obligations, then as a consequence you may not distribute the Program at all. For example, if a patent license would not permit royalty-free redistribution of the Program by all those who receive copies directly or indirectly through you, then the only way you could satisfy both it and this License would be to refrain entirely from distribution of the Program.

 

If any portion of this section is held invalid or unenforceable under any particular circumstance, the balance of the section is intended to apply and the section as a whole is intended to apply in other circumstances.

 

It is not the purpose of this section to induce you to infringe any patents or other property right claims or to contest validity of any such claims; this section has the sole purpose of protecting the integrity of the free software distribution system, which is implemented by public license practices. Many people have made generous contributions to the wide range of software distributed through that system in reliance on consistent application of that system; it is up to the author/donor to decide if he or she is willing to distribute software through any other system and a licensee cannot impose that choice.

 

This section is intended to make thoroughly clear what is believed to be a consequence of the rest of this License.

 

8. If the distribution and/or use of the Program is restricted in certain countries either by patents or by copyrighted interfaces, the original copyright holder who places the Program under this License may add an explicit geographical distribution limitation excluding those countries, so that distribution is permitted only in or among countries not thus excluded. In such case, this License incorporates the limitation as if written in the body of this License.

 

9. The Free Software Foundation may publish revised and/or new versions of the General Public License from time to time. Such new versions will be similar in spirit to the present version, but may differ in detail to address new problems or concerns.

 

Each version is given a distinguishing version number. If the Program specifies a version number of this License which applies to it and "any later version", you have the option of following the terms and conditions either of that version or of any later version published by the Free Software Foundation. If the Program does not specify a version number of this License, you may choose any version ever published by the Free Software Foundation.

 

10. If you wish to incorporate parts of the Program into other free programs whose distribution conditions are different, write to the author to ask for permission. For software which is copyrighted by the Free Software Foundation, write to the Free Software Foundation; we sometimes make exceptions for this. Our decision will be guided by the two goals of preserving the free status of all derivatives of our free software and of promoting the sharing and reuse of software generally.

 

NO WARRANTY

 

11. BECAUSE THE PROGRAM IS LICENSED FREE OF CHARGE, THERE IS NO WARRANTY FOR THE PROGRAM, TO THE EXTENT PERMITTED BY APPLICABLE LAW. EXCEPT WHEN OTHERWISE STATED IN WRITING THE COPYRIGHT HOLDERS AND/OR OTHER PARTIES PROVIDE THE PROGRAM "AS IS" WITHOUT WARRANTY OF ANY KIND, EITHER EXPRESSED OR IMPLIED, INCLUDING, BUT NOT LIMITED TO, THE IMPLIED WARRANTIES OF MERCHANTABILITY AND FITNESS FOR A PARTICULAR PURPOSE. THE ENTIRE RISK AS TO THE QUALITY AND PERFORMANCE OF THE PROGRAM IS WITH YOU. SHOULD THE PROGRAM PROVE DEFECTIVE, YOU ASSUME THE COST OF ALL NECESSARY SERVICING, REPAIR OR CORRECTION.

 

12. IN NO EVENT UNLESS REQUIRED BY APPLICABLE LAW OR AGREED TO IN WRITING WILL ANY COPYRIGHT HOLDER, OR ANY OTHER PARTY WHO MAY MODIFY AND/OR REDISTRIBUTE THE PROGRAM AS PERMITTED ABOVE, BE LIABLE TO YOU FOR DAMAGES, INCLUDING ANY GENERAL, SPECIAL, INCIDENTAL OR CONSEQUENTIAL DAMAGES ARISING OUT OF THE USE OR INABILITY TO USE THE PROGRAM (INCLUDING BUT NOT LIMITED TO LOSS OF DATA OR DATA BEING RENDERED INACCURATE OR LOSSES SUSTAINED BY YOU OR THIRD PARTIES OR A FAILURE OF THE PROGRAM TO OPERATE WITH ANY OTHER PROGRAMS), EVEN IF SUCH HOLDER OR OTHER PARTY HAS BEEN ADVISED OF THE POSSIBILITY OF SUCH DAMAGES.

END OF TERMS AND CONDITIONS

How to Apply These Terms to Your New Programs

 

If you develop a new program, and you want it to be of the greatest possible use to the public, the best way to achieve this is to make it free software which everyone can redistribute and change under these terms.

 

To do so, attach the following notices to the program. It is safest to attach them to the start of each source file to most effectively convey the exclusion of warranty; and each file should have at least the "copyright" line and a pointer to where the full notice is found.

 

one line to give the program's name and an idea of what it does.

Copyright (C) yyyy name of author

 

This program is free software; you can redistribute it and/or

modify it under the terms of the GNU General Public License

as published by the Free Software Foundation; either version 2

of the License, or (at your option) any later version.

 

This program is distributed in the hope that it will be useful,

but WITHOUT ANY WARRANTY; without even the implied warranty of

MERCHANTABILITY or FITNESS FOR A PARTICULAR PURPOSE. See the

GNU General Public License for more details.

 

You should have received a copy of the GNU General Public License

along with this program; if not, write to the Free Software

Foundation, Inc., 59 Temple Place - Suite 330, Boston, MA 02111-1307, USA.

 

Also add information on how to contact you by electronic and paper mail.

 

If the program is interactive, make it output a short notice like this when it starts in an interactive mode:

 

Gnomovision version 69, Copyright (C) yyyy name of author

Gnomovision comes with ABSOLUTELY NO WARRANTY; for details

type `show w'. This is free software, and you are welcome

to redistribute it under certain conditions; type `show c'

for details.

 

The hypothetical commands `show w' and `show c' should show the appropriate parts of the General Public License. Of course, the commands you use may be called something other than `show w' and `show c'; they could even be mouse-clicks or menu items--whatever suits your program.

 

You should also get your employer (if you work as a programmer) or your school, if any, to sign a "copyright disclaimer" for the program, if necessary. Here is a sample; alter the names:

 

Yoyodyne, Inc., hereby disclaims all copyright

interest in the program `Gnomovision'

(which makes passes at compilers) written

by James Hacker.

 

signature of Ty Coon, 1 April 1989

Ty Coon, President of Vice

 

This General Public License does not permit incorporating your program into proprietary programs. If your program is a subroutine library, you may consider it more useful to permit linking proprietary applications with the library. If this is what you want to do, use the GNU Library General Public License instead of this License.

Return to GNU's home page .

 

FSF & GNU inquiries & questions to gnu@gnu.org. Other ways to contact the FSF.

 

Comments on these web pages to webmasters@www.gnu.org, send other questions to gnu@gnu.org.

 

Copyright notice above.

Free Software Foundation, Inc., 59 Temple Place - Suite 330, Boston, MA 02111, USA

 

Updated: 16 Feb 1998 tower

 

Il Movimento Free Software

 

Fin dall'inizio del movimento Free Sotware, ho avuto l'idea che ci fosse spazio per guadagnare.

 

Uno dei vantaggi del Software Libero è che c'è un mercato libero per qualsiasi tipo di servizio d'assistenza, perciò se per lavoro usi del software e vuoi un buon servizio d'assistenza, hai la possibilità di scegliere fra un vasto numero di persone, puoi scegliere fra varie aziende che operano nel settore dei servizi d'assistenza.

 

In linea generale devono offrire un servizio di qualità altrimenti ci dobbiamo rivolgere a qualcun altro.

 

Con il software proprietario l'assistenza è un monopolio, c'è una sola azienda di solito che ha il codice sorgente e solo lei può garantirti assistenza e di conseguenza ti trovi alla mercè di un monopolio è il caso per esempio della microsoft perciò non c'è da stupirsi se l'assistenza è così scadente.

 

Il Kernel

 

Il kernel fu una delle ultime cose sulla quale cominciammo a lavorare e non avevamo iniziato da molto, quando arrivò Linus Torvalds.

 

Sviluppò un kernel e riuscì a farlo funzionare più velocemente di quanto non riuscissimo a far noi e funzionava molto bene in modo stabile, questo kernel si chiama linux.

 

Linus utilizzò il metodo collaudato tradizionale di scrivere un programma che funziona, ed è subito riuscito a farlo funzionare, in realtà lo ha fatto molto più in fretta di quanto io pensassi è possibile.

 

In realtà noi cominciammo Gnu/Hurd poco prima che lui cominciasse linux, si da il caso però che scegliemmo un disegno molto all'avanguardia in termini di potenza disponibile, ma risultò molto difficile individuarne il bug, decidemmo di dividere il kernel che tradizionalmente era sempre stato un programma unico, in una serie di programmi più piccoli i quali avrebbero comunicato fra loro tramite messaggi asincroni, è facile però che in questo tipo di programmazione si formino molti bugs che spesso sono difficili da individuare, perché dipendono dal fatto che questo programma invii un messaggio prima o dopo che questo altro programma abbia inviato un altro messaggio, di conseguenza ci mettemmo degli anni per far funzionare il sistema.

 

Quando Linus sviluppò il suo kernel, non stava lavorando sul proggetto Gnu, lo fece in modo indipendente, e lo rilasciò in modo indipendente, noi non ne eravamo al corrente, ma alcune persone che lo sapevano, decisero di vedere dove sarebbero arrivati usando quel kernel per creare un sistema completo, cercarono in giro e tutto ciò di cui avevano bisogno era già disponibile, che fortuna sfacciata pensarono, ma in realtà non si trattava di fortuna, avevano trovato tutti i pezzi del sistema Gnu al quale mancava solo il kernel, quindi, quando misero tutto quanto insieme, non fecero altro che inserire linux nel vuoto del sistema Gnu, ma questo loro non lo sapevano.

 

Pensarono di prendere un bel pò di componenti e di sistemarli attorno a linux e così finirono per chiamare l'insieme un sistema linux, per qualche motivo la definizione prese piede, il risultato è che ora questa variante del sistema Gnu, il sistema operativo Gnu/linux è usata da 10.000.000 di persone e la maggior parte di loro non lo sa neppure.

 

Il Movimento Open Source

 

Il movimento OpenSource si concentra sui vantaggi pratici che si possono ottenere da una comunità di utenti che collaborano scambiandosi e miglorando il software e su questo aspetto sono interamente d'accordo con loro, tuttavia aderisco al movimento Free Software anzichè all'Open Source perché credo che in gioco ci sia qualcosa di più importante, credo che la libertà di collaborare con gli altri, la libertà di avere una comunità, sia importante per la qualità della nostra vita per avere una buona società in cui vivere e questo per me è molto più importante di avere un software potente ed affidabile.

 

I ricordi di gioventù di Richard Matthew Stallman

 

Quando ero bambino a scuola gli insegnanti cercavano di eduacarci a condividere, dicevano: se porti dei dolci non puoi mangiarli tutti da solo, devi dividerli con gli altri bambini, adesso le autorità dicono che gli insegnanti dovrebbero educare i bambini a rispettare le licenze, se porti del software a scuola oh, no non condividerlo, condividere significa che sei un pirata e che sarai messo in prigione, non è così che la società dovrebbe funzionare, c'è bisogno di buona volontà, di disponibilità ad aiutare gli altri, perlomeno quando non è troppo difficile, perché questo è il fondamento della società, è il fondamento che distingue la società da una giungla spietata.

 

La Pirateria Informatica

 

Quando parlano di pirateria si sbagliano su entambi i fronti, tanto per cominciare c'è chi guadagna sviluppando software e poi comunque la libertà di avere una comunità è più importante.

 

Il Premio alla Free Software Foundation

 

Sono accadute cose davvero buffe, ma nessuna è al pari di questa, assegnare il premio Linus Torvalds alla Free Software Foundation è un pò come dare il premio Hansolo alla flotta ribelle, probabilmente alcuni di voi non si rendono conto di quanto questa analogia sia vera, ma lasciatemi dire come siamo arrivati a questo punto: quindici anni fa per usare un computer bisognava ricorrere a softwares proprietari, softwares che dividono e sottomettono gli utenti e alla maggior parte degli utenti non piaceva ma non avevano alternative, alcuni di noi erano decisi a creare un'alternativa e ci siamo detti svilupperemo un sistema operativo libero, un sistema operativo con software libero che darà agli utenti la possibilità di essere liberi mentre usano il loro computer.

 

Molti dissero è una buona idea, ma è così complicato, non ce la faremo mai, quindi non vogliamo partecipare, non crediamo che ci riuscirete mai, per fortuna non tutti la pensarono così ed evidentemente sapevamo che alla fine saremmo riusciti a creare il kernel, ma come sapete qualcuno realizzò un kernel migliore prima di noi, in passato avevamo una strategia globale per focalizzare l'attenzione della gente sull'importanza della libertà, sulla libertà che possono avere o meno quando usano un computer e allora cosa possiamo fare a questo proposito ?

 

Per quanto mi riguarda l'unico modo attuabile per cercare di cambiare le cose e rendere quella strategia nuovamente efficacie è diffondere la notizia che il sistema operativo che usate è un sistema Gnu, un pò modificato ovviamente e quando gli altri lo verranno a sapere vorranno conoscere i motivi che ci hanno portato a sviluppare questo sistema e penseranno a questi temi e qualcuno si troverà d'accordo con noi perciò vi chiedo perpiacere ditelo a tutti questo è un sistema Gnu, è una combinazione fra Gnu e linux perciò possiamo chiamarlo Gnu/linux.

 

L'intero progetto Gnu è in realtà un solo grande hack, una grande azione di intelligenza creativa e sovversiva intesa a cambiare la società in meglio, perchè sono interessato solo a cambiarla in meglio ma in modo intelligente.

 

Se desiderate contattare Paolo Del Bene id3rfix@gmail.com

 

Updated: Thusday, October 20 2011, 02:58:20 p.m.

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.